Italiano (IT)English (UK)Francaise (FR)Español (ES)

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Home News Aktuelle Nachrichten Il dialetto in tavola

HOSTEL

Bett Verfgübarkeit | 83
Fernesehenraum |
Klimaanlage |
Zugaenglichkeit |
Parkplatzt für
Autopullman |
Oeffnungszeit
| Jahreslang
Zeiten
| 24 Stunden pro tag
KreditKarte |
oeffentliche
Verkehrsmittel
| bus 7 und 2
Bahnhof | 1,8 km
Flughafen | 4,5 km
Autobahn A1 | 1,5 km

ÜBERNACHTEN

Zimmer 2+1 lits
Zimmer 4/5 lits
Zimmer 5/6 lits
Familienzimmer

EXTRA DIENSTLEISTUNG

Früstück
Verpflegung für Gruppen
internet point
Free WiFi
Self-Service-Wäscherei

Il dialetto in tavola

PDF Drucken E-Mail
Dienstag, den 21. Februar 2017 um 07:31 Uhr
There are no translations available.

Cinque appuntamenti, cinque ristoranti, cinque menù e quattro vernacolisti sono gli ingredienti della nuova rassegna dialettale e gastronomica Il dialetto in tavola€, che debutta giovedì 9 febbraio.

Prende il via un format tutto nuovo, promosso dagli assessorati alla Cultura e alle Attività  produttive, che unisce la riscoperta del vernacolo ai gustosi piatti dei nostri ristoratori.

Sono cinque i ristoranti del centro storico che hanno aderito all'iniziativa: Sana Follia, Hosteria N. 1000, Antica Trattoria Al Duomo, Astoria e Pepe Nero. Ogni serata vedrà un gustoso menù e la presenza di un vernacolista, che intratterrà gli ospiti con la presentazione dei piatti in dialetto. I cultori del vernacolo che parteciperanno alla rassegna sono: Claretta Ferrarini, Franco Giordani, Giancarlo Loreni ed Enrico Maletti. Coordinatore della rassegna è l'enogastronomo fidentino Ermanno “Nanni” Ghiozzi.

“Il dialetto è la lingua del nostro inconscio, perché senza parlarla, fingendo di averla dimenticata, conferisce concretezza al nostro pensiero. È una memoria straordinaria che accoglie un'infinità di sensazioni che, senza dialetto, non avrebbero espressione. Il dialetto ha una forte analogia con la cultura culinaria che, a sua volta, ci restituisce tradizioni che l'estemporaneità dell'oggi non è in grado di riconoscere. Con queste motivazioni abbiamo unito il dialetto alla cucina e ne è nata questa rassegna. Iniziamo una serie di iniziative che vogliono valorizzare il nostro territorio facendo uscire dall'oscurità quella nostra lingua, che sarà in grado di aggiungere importanza agli ingredienti scelti dalla competenza di Nanni Ghiozzi e dei cinque ristoratori del centro che hanno aderito all'iniziativa. La rassegna premde il via nel mese di febbraio, individuato dal Consiglio Comunale come Mese del dialetto”, hanno spiegato l'assessore alla Cultura, Maria Pia Bariggi, e l'assessore alle Attività produttive, Fabio Bonatti.

Si parte giovedì 9 febbraio al ristorante Sana Follia, per proseguire, il 16 febbraio, all'Hosteria N. 1000. Il 23 febbraio si farà tappa all'Antica Trattoria Al Duomo, mentre il 2 marzo sarà la volta del ristorante Astoria. La rassegna si concluderà il 9 marzo al ristorante Pepe Nero.

La cena inizia alle ore 20.00. Il costo è di 25 euro a persona, acqua e caffè compresi. E' necessaria la prenotazione presso il ristorante scelto almeno 24 ore prima dell'evento.

 

Usiamo i cookie per migliorare il nostro sito e la tua esperienza su di esso. I cookie necessari per le operazioni essenziali sono già stati installati, a norma di legge. Per avere ulteriori informazioni sui cookie che usiamo e come rimuoverli, leggi la nostra Cookie Policy.

Accetti i cookie da questo sito?

Leggi la Direttiva Europea sulla e-Privacy